Torment – Tides of Numenera e la (non) localizzazione in italiano

1 febbraio 2017
610 Visite

Ricevo oggi la newsletter di InXile Entertainment, sviluppatore indipendente di Torment – Tides of Numenera, uno dei videogiochi per PC più attesi del 2017, finanziato mediante la piattaforma di crowdfunding Kickstarter con oltre 5 milioni di dollari. Fin qui tutto bene, tranne il fatto che il gioco non verrà localizzato in italiano come inizialmente annunciato, perché costa troppo:

One other topic: the Italian localization. When we set out to create Torment, our planned size was significantly smaller. Torment in its final form grew to a much bigger, deeper RPG, and has over 1.2 million words. When we chose our planned localizations for the game, that word count and expanded scope for the game didn’t exist yet. Unfortunately, it turns out that localization a game script of such a magnitude to a good standard of quality is extremely costly.

Certo, un famosissimo sviluppatore, i cui componenti sono attivi nel settore da 30 anni si accorge troppo tardi di aver scritto troppo testo.

E nessuno aveva idea di quanto potesse costare una traduzione…

With Wasteland 2, we could turn to many of our backers, who volunteered their time and talent to help build the game’s localization.

Per Wasteland 2, titolo precedente abbondantemente finanziato con Kickstarter, lo sviluppatore si è affidato a un gruppo di volontari che, nonostante l’impegno, ha prodotto una traduzione al limite del tragicomico. La qualità era così scadente da portare moltissimi utenti italiani a giocare il titolo in inglese, pur non padroneggiandolo a sufficienza, solo per evitare di ridere (o piangere) leggendo i testi tradotti.

With Torment, we wanted to pursue professional localization efforts. Unfortunately, during this process, we made the difficult decision to drop support for Italian – both our backer numbers and the sales of our prior RPGs in Italy meant it was unlikely we’d be able to field the very high costs.

Veniamo quindi al vero motivo per cui la localizzazione italiana sarà assente, a differenza della versione in tedesco, francese, spagnolo, russo e polacco (!): ci sono troppi pochi appassionati di RPG vecchia scuola in Italia, il titolo qua da noi non venderà poi moltissimo e quindi o vi beccate l’ennesima traduzione amatoriale o nisba.

We’re looking into ways to bring you Italian in a post-release capacity, such as community translations.

Appunto. Con buona pace delle ottime agenzie di traduzione italiane specializzate nella localizzazione di videogiochi e dei professionisti di cui si avvalgono, che dovranno rinunciare alla possibilità di lavorare su uno splendido titolo, me compreso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *